lunedì 25 settembre 2017 | Imposta come Homepage | Aggiungi ai preferiti | Facebook
Rugby, campionati: C1 a due fasi? Wolves, sinergia con il Nola
* *Quella che si apre sarà verosimilmente la settimana decisiva per il completamento della transizione dai campionati rugbistici di Serie C a quelli di C1 e C2. Il 18 luglio infatti è previsto il Consiglio Federale Nazionale attraverso il quale, ma non solo, il presidente Alfredo Gavazzi ed il suo staff decideranno e dirameranno le soluzioni adottate in merito alla composizione dei tornei. Sotto i riflettori c’è in particolare la nuova C1 – categoria che interessa l’Irpinia per la presenza della franchigia Due Principati recentemente costituita da Avellino e Salerno – la quale, come si ricorderà, potrebbe essere strutturata come campionato su scala interregionale. Il condizionale è però d’obbligo perché gli ultimi mesi hanno evidenziato non poche difficoltà a prospettare gli accoppiamenti, specialmente al sud dove i fragili bilanci delle società rappresentano un grosso ostacolo a tornei chilometricamente troppo vasti. E’ il caso della Sicilia, di cui si è già detto in settimana, ma non solo.
Anche per questo motivo i rumors che arrivano circa le scelte della Fir parlerebbero di una soluzione in due fasi: una prima regionale, dalla quale emergerebbero due candidate alla promozione in Serie B, ed un secondo pool interregionale con cui decretare chi farà il salto di categoria. Sarebbe previsto anche un barrage retrocessione per i club non ammessi alla fase due, e con il quale liberare i posti utili alle vincenti della C2, ma sui crismi organizzativi in proposito non ci sono ancora indicazioni. In ogni caso, se questo scenario dovesse essere rispettato, per la Campania si materializzerebbe un torneo di C1 a sei squadre - Torre del Greco, Alcott Napoli, Afragola, Santa Maria Capua Vetere, IV Circolo e, naturalmente il Rugby Due Principati – dal quale spunterebbero i due XV ammessi al pool promozione ed i quattro al pool retrocessione. Ovviamente si tratta di notizie provvisorie che difficilmente potranno essere confermate prima dell’assise del 18 luglio. E proprio in questo senso, anche la Fir regionale si è attrezzata per il proprio consiglio federale esattamente un giorno dopo. La riunione verterà come da prassi sulle nomine dell’Ufficio di Presidenza, ma non è escluso che possa servire anche per le comunicazioni alle società delle fresche direttive nazionali.
In attesa degli sviluppi di Lega non si fermano le attività per la franchigia avellinese/salernitana, che sempre questa settimana sarà chiamata ad assumere altre decisioni importanti sul futuro della nuova creatura. Dopo il rinvio del Consiglio direttivo di giovedì scorso, la data buona potrebbe essere quella di giovedì o venerdì prossimo. Il presidente Sbozza ed i dieci consiglieri dei due club dovranno approvare - assodate la C1 e l’intesa in materia di juniores di cui si è già detto - lo stemma del club ed i colori sociali. Ci sarà da discutere anche di allenatori ed eventualmente di Comitato Tecnico. Il Rugby Due Principati deve infatti decidere a chi affidare la prima squadra, se ad un singolo (come Daniel Bianco o altri tecnici esperti presenti sul territorio), oppure ad un team di più ampio respiro inserito in un quadro esteso anche alle juniores. “Quella dell’allenatore è una questione ancora completamente aperta – dichiara il presidente dell’Avellino Rugby, Antonio Roca – Ci troviamo in una fase molto intensa, nella quale il progetto sta evolvendo molto dinamicamente. Bisogna perciò prima completare questo percorso e poi fissare una decisione”. Sempre giovedì o venerdì – dipenderà dall’appuntamento con Salerno, che ha la priorità – è previsto anche il Consiglio Direttivo dell’Avellino Rugby, con Roca che annuncia nuovi innesti nei quadri societari. Si tratta nello specifico di due dirigenti, Agostino Somma e Ciro Trezza - la cui nomina dovrebbe coincidere con l’inaugurazione della nuova sede del club di via Iannacchini - ma i due potrebbero non essere gli unici ad entrare nella famiglia dei tuttiverdi.
Venendo alla Serie C2 - che interessa i Wolves Ospedaletto e che sarà regionale ma con il prevedibile inserimento del Cus Molise - in queste ore si sono chiusi i termini per la presentazione delle iscrizioni. Ma per avere il lotto completo delle formazioni aderenti al torneo bisognerà attendere un’altra settimana circa, il tempo necessario alla Fir per accogliere anche le domande inoltrate per spedizione postale. Nel frattempo, tra campi estivi e regolare preparazione, continuano le attività dei tuttineri del presidente Cecere, che anzi negli ultimi giorni hanno chiuso importanti accordi di collaborazione in ambito juniores.
Ci riferiamo in particolare alle categorie under 16 e under 18, per le quali il club di coach Zefelippo lavorerà in sinergia con il Rugby Nola di mister Zirilli. L'accordo tra le società prevede per la 16 la costituzione di una squadra mista con elementi provenienti da entrambe le realtà. Per quanto riguarda invece la under 18 la sinergia potrebbe essere estesa anche al Battipaglia, portando alla realizzazione di una squadra con atleti provenienti da tre club. Le due formazioni si alterneranno tra i campi di Nola e di Ospedaletto per le gare interne. Lo stesso sarà fatto per gli allenamenti.
Anche se in tono minore, si prospettano partnership anche per quanto riguarda la seniores. Nella fattispecie a collaborare con i Wolves saranno gli Eagles Cimitile dell'ex Avellino Rugby Enzo Fico. A partire da settembre i due gruppi organizzeranno sedute di allenamento congiunto. Intanto tra i tuttineri c'è ancora un nuovo innesto nella prima squadra. Si tratta di Giovanni D'Argenio, 26enne di Ospedaletto che per caratteristiche fisiche si candida a diventare un pilone. D'Argenio dopo Iannaccone e Guerriero è il terzo tassello estivo del club ovale di Ospedaletto.

Eta
(domenica 13 luglio 2014 alle 16:07)
Più letti del mese
Muretto Comunication S.r.l.
© 2011 ilCiriaco. All Rights Reserved.   --- Gerenza ---

Tel: 08251912551 Tel&Fax: 08251912594 Mail: redazione@ilciriaco.it
Il materiale pubblicato, pur essendo di dominio pubblico, non puo' in nessun modo essere utilizzato.
La copia o riproduzione di testi e foto senza il consenso scritto della redazione di Il Ciriaco.it e' vietata!