Rastelli sulla Pro Vercelli: preferivo Bologna o Catania all'esordio
**Tutt’altro che scontato l’esito di Avellino-Pro Vercelli. Come è di consuetudine, nella conferenza stampa pre-partita anche il tecnico dell’Avellino Massimo Rastelli tiene alta la tensione. «L’avversario da battere non è una squadra materasso, anzi, lo spirito e la mentalità di una neo-promossa sono le difficoltà maggiori da superare. Prendere ad esempio l’Avellino dello scorso anno». Queste le preoccupazioni del mister, rivelate nella conferenza stampa tenutasi oggi in via eccezionale al Green Park Hotel di Mercogliano. «Soltanto la prima tappa di un percorso di ritiri itinerante volto a riscoprire le eccellenze della nostra terra”, spiega il responsabile marketing dell’Avellino Calcio Sergio De Piano. «Finalmente si inizia», esordisce così Massimo Rastelli, che non vede l’ora di ricominciare quest’avventura. «Siamo pronti a ripartire, siamo carichi ed emozionati per quest’ennesima sfida. Purtroppo avversario peggiore alla prima di campionato non ci poteva capitare. Sono una neo-promossa, hanno cambiato poco ed hanno preso giocatori di qualità come Matute, Di Roberto e Germano. La rosa è stata integrata nel migliore dei modi. Avrei preferito giocare contro Bologna o Catania alla prima».
In città si parla della griglia di partenza realizzata dalla Gazzetta dello Sport, che ha inserito l’Avellino al quinto posto: «Queste cose non le guardo proprio, mi fanno sorridere. E’ il campo l’unico giudice. Certo, fa piacere avere maggiore considerazione rispetto allo scorso anno, ma questo non ci deve far dare delle arie. La B è un campionato durissimo». Rastelli ha commentato anche il ripescaggio del Vicenza in Serie B, che potrebbe partire svantaggiato rispetto alle altre: «Sarà difficile per loro costruire una squadra in grado di lottare in serie cadetta in così poco tempo, ma sarà sempre il campo a decidere. Si devono guardare i reali valori dei giocatori». Come si presenta l’Avellino alla prima di campionato: «Sono molto soddisfatto del lavoro svolto fino ad ora. Cerco sempre di far stare tutti all’erta e di non tralasciare nulla. I ragazzi devono stare tranquilli ma attenti. Dobbiamo scendere in campo con la grinta dello scorso anno, sulla base delle prestazione della scorsa stagione abbiamo cercato di migliorarci, sia per quanto riguarda l’organico che per quanto riguarda la mentalità».
Sulla formazione Rastelli non si smentisce mai e non rivela nulla, mentre elogia Luca Bittante per la sua duttilità: «Luca è un giocatore che posso mettere in campo dove voglio. Per questo in pre-campionato l’ho provato spesso da centrale di difesa. Numericamente sia sulle fasce che al centro siamo a posto, quindi nonostante le assenze possiamo sopperire».

Aldo Pio Feoli
(venerdì 29 agosto 2014 alle 17:42)
Più letti del mese
Muretto Comunication S.r.l.
© 2011 ilCiriaco. All Rights Reserved.   --- Gerenza ---

Tel: 08251912551 Tel&Fax: 08251912594 Mail: redazione@ilciriaco.it
Il materiale pubblicato, pur essendo di dominio pubblico, non puo' in nessun modo essere utilizzato.
La copia o riproduzione di testi e foto senza il consenso scritto della redazione di Il Ciriaco.it e' vietata!