lunedì 25 settembre 2017 | Imposta come Homepage | Aggiungi ai preferiti | Facebook
Vitucci: Meglio cambiare che insistere su situazioni irrecuperabili
* *Un Vitucci moderatamente tranquillo parla della situazione in casa Scandone, provando a calmare il vento polemico nell’ambiente irpino. Non è molto preoccupato per il raduno posticipato e neanche per le ufficialità che tardano ad arrivare. O almeno è quello che prova a far intendere: “Non posso che rifarmi alle parole dell’ing. De Cesare e di Marco Aloi . Sono state esplicative della situazione. Io controllo quello che posso controllare, come scrive Agassi nel suo libro “Open”. Ho fiducia delle persone che sono al mio fianco o sopra di me.
IL RADUNO - All’inizio della prossima settimana dovrebbe scoccare l’ora X, ma guai a cercare scuse: “Penso che cominceremo lunedì. Difficile che riusciamo a far qualcosa prima. Al momento non abbiamo modificato nulla del nostro programma anche in tema di amichevoli. Non ho intenzione di iniziare con delle scusanti. Certo sarebbe stato meglio un altro tipo di sviluppo delle situazioni, ma non abbiamo pregiudicato nulla.” UNA SIDIGAS POLIEDRICA ED ATLETICA - Il coach non vuol sentire parlare di un roster esperto: “Noi non siamo andati sull’usato sicuro. Abbiamo guardato alle motivazioni, all’età media, all’atletismo compatibilmente con il budget a disposizione. Da questo punto di vista ci siamo allineati a molte altre squadre. Vedo quattro formazioni in pole, Reggio Emilia, Milano, Venezia, Sassari, poi c’è un gruppone con cui dovremo competere. Forse era anche giusto razionalizzare mantenendo la competitività”. Riguardo alla squadra che sta per nascere: “Abbiamo cercato di costruire un roster duttile cercando di incastrare diverse situazioni. Complementarietà tra gli esterni e tra questi ed il reparto lunghi. Atletismo, ma anche razionalità. Sono abbastanza fiducioso circa quello che siamo riusciti a costruire”.
CONFERME E PARTENZE - Solo Cavaliero confermato, ci sarà da soffrire in avvio? “Quella dell’amalgama è una questione, ma non è un problema da risolvere. Va affrontata contando sulla disponibilità dei giocatori. E’ una questione tecnica ma anche di feeling e sacrificio. Penso che qualche volta sia meglio cambiar tutto che mantenere situazioni che siano difficilmente recuperabili”. Grande rispetto per Ivanov e Lakovic due giocatori importanti nella passata Sidigas. Sul primo “Ho grande stima per il giocatore e per quello che ci ha dato insieme a Will Thomas.” Sul secondo: “E’ una situazione di cui il club è cosciente e che viene affrontata con grande rispetto verso il giocatore. Sono situazioni tutt’altro che stravaganti. Abbiamo esempi anche in altri sport”.
LE POTENZIALITA’ DELLA SOCIETA’ - Sarà la stagione del rilancio, anche personale? “Deve esserlo assolutamente. Non vogliamo vedere brutte prestazioni, né atteggiamenti molli. Non abbiamo obblighi ed obiettivi imperativi da dover raggiungere se non quelli di fare il meglio possibile. Va comunque fatta una riflessione oggettiva. Quindici anni di serie A sono un record alla luce del contesto economico italiano e dell’Italia meridionale in particolare. Ognuno può criticare. Ciascuno ha il suo club ideale che magari si arriverà anche a realizzare perché la progettualità di questa società è più concreta di quello che appare. C’è poi una città che ama questo sport e la sua squadra e che merita di meglio di ciò che si è visto nella passata stagione, in primis sotto l’aspetto dell’approccio e dell’impegno. Questo sarà lo sforzo interno al club che sicuramente produrremo”.
LA BATTAGLIA CONTRO LA SLA - Non poteva mancare l’Ice Bucket Challenge per combattere la SLA: “Sono stato nominato dal presidente Cosimo Sibilia. Ho accettato volentieri. Spero che l’aspetto giocoso costituisca l’occasione per parlare seriamente di questi problemi in tema di ricerca e solidarietà”.
Nicola Giacobbe


(mercoledì 27 agosto 2014 alle 00:47)
Più letti del mese
Muretto Comunication S.r.l.
© 2011 ilCiriaco. All Rights Reserved.   --- Gerenza ---

Tel: 08251912551 Tel&Fax: 08251912594 Mail: redazione@ilciriaco.it
Il materiale pubblicato, pur essendo di dominio pubblico, non puo' in nessun modo essere utilizzato.
La copia o riproduzione di testi e foto senza il consenso scritto della redazione di Il Ciriaco.it e' vietata!