lunedì 25 settembre 2017 | Imposta come Homepage | Aggiungi ai preferiti | Facebook
Non solo bilancio, maggioranza alla prova su enti e provincia
* *La ripresa dell’attività amministrativa a Piazza del Popolo sarà segnata, oltre che dall’approvazione del bilancio preventivo, anche dalla scadenza per il rinnovo degli organi esecutivi degli enti di servizio e dal varo della Provincia, così come riformata dal decreto Delrio. Sull’assetto politico ed organizzativo potrà pesare un eventuale accordo istituzionale che le principali forze politiche (Pd, Udc e Forza Italia) sono intenzionate a sottoscrivere per evitare che si vada in ordine sparso, cedendo alle pressioni dei singoli rappresentanti territoriali e per definire strategie comuni di intervento in una fase delicata della vita pubblica.
E’ immaginabile, quindi, che vi sia già nei prossimi giorni un confronto tra i partiti teso ad inserire in un’unica trattativa tutte le postazioni in gioco: dall’Asi, all’Ato rifiuti, alle comunità montane, passando per i Piani di zona sociale. Tra le strutture ritenute strategiche nella mappa della gestione c’è sicuramente il Consorzio industriale (ASI). L’assemblea per il rinnovo degli organismi dirigenti, prevista per gli inizi di agosto, è stata rinviata per cercare di costruire un quadro unitario. Il presidente uscente, Giulio Belmonte, dovrebbe convocare la nuova assise entro il mese di settembre. L’amministrazione comunale del capoluogo oggi occupa una posizione di minoranza all’interno della compagine sociale, che è guidata dall’asse Udc-Forza Italia. Il sindaco Paolo Foti ha preferito seguire in prima persona le vicende dell’Asi non designando alcun delegato alle assemblee. Difficilmente, però, questa linea potrà essere confermata nel nuovo ciclo amministrativo del consorzio, soprattutto se il primo cittadino verrà eletto al vertice dell’Ato rifiuti. Con le larghe intese per i democratici e, quindi, per il Comune di Avellino dovrebbero comunque aprirsi le porte del consiglio di amministrazione.
L’esecutivo oggi è costituito da 7 membri, ma nel nuovo mandato andrebbero ridotti a 5, in base alle leggi regionali di riordino del settore. E’ ipotizzabile, quindi, che un esponente indicato dal Pd potrà rivestire il ruolo di vicepresidente. Su questa come sulle altre nomine i giochi sono completamente aperti e Foti dovrà fare i conti con la fronda interna alla maggioranza di Palazzo di Città.
Il consigliere Gianluca Festa ha già annunciato che porrà la questione in una delle prossime riunioni di gruppo, chiedendo che le decisioni vengano assunte collegialmente e che siano investiti direttamente i civici rappresentanti della coalizione di governo. Tra gli esterni che, invece, potrebbero ricevere il sostegno del sindaco e della dirigenza del Pd c’è sicuramente Gerardo Adiglietti, che in passato ha rivestito l’incarico di delegato dell’amministrazione cittadina. Finora, comunque, l’argomento non è stato ancora ufficialmente affrontato.
Più complessa è la situazione per il rinnovo della Provincia, ormai declassata ad ente di secondo livello. Entro il 15 settembre dovranno essere presentate le liste di amministratori locali (sindaci, consiglieri comunali ed ex consiglieri provinciali) che intendono partecipare alla consultazione indiretta che si terrà il 12 ottobre, salvo rinvii dell’ultim’ora da parte del governo nazionale. Ogni lista dovrà essere sottoscritta da ben 200 amministratori presentatori, che non potranno candidarsi. L’organismo, composto da un presidente e 12 consiglieri, resterà in carica per 2 anni ed avrà competenze ridotte: dall’edilizia scolastica alla pianificazione di trasporti ed ambiente. Foti ha preferito occuparsi più dell’assetto degli enti di servizio che non del riordino della Provincia. Una scelta che potrebbe aprire la strada ad altri sindaci democratici come quello di Montoro, Mario Bianchino, che pescherebbe consensi anche sul fronte del dissenso. In ogni caso il complesso meccanismo per l’elezione richiederà grande coesione politica.
Luigi Basile
(mercoledì 27 agosto 2014 alle 02:02)
Più letti del mese
Muretto Comunication S.r.l.
© 2011 ilCiriaco. All Rights Reserved.   --- Gerenza ---

Tel: 08251912551 Tel&Fax: 08251912594 Mail: redazione@ilciriaco.it
Il materiale pubblicato, pur essendo di dominio pubblico, non puo' in nessun modo essere utilizzato.
La copia o riproduzione di testi e foto senza il consenso scritto della redazione di Il Ciriaco.it e' vietata!