Trivellazioni, l'ira del sindaco di Casalbore: la Regione ci ignora
* *Sono irritate e preoccupate. Le “aree interne”, di cui tanto si parla, cominciano a far crescere la propria insofferenza contro la giunta regionale della Campania. Questa volta si abbatte sul beneventano e sui comuni della Valle del Fortore – Miscano, e dell’arianese, lo spettro del “petrolio”. Ad onor del vero, era risaputo che era stato presentato almeno tre anni fa un progetto di ricerca di idrocarburi e gas dalla società inglese Delta Energy, “Case Capozzi”, ma quel che snerva gli amministratori comunali è la mancanza di comunicazione con Palazzo Santa Lucia. Così all’iniziativa del sindaco di Montecalvo, del Forum Ambiente del Pd irpino e della consigliera regionale democratica Giulia Abate, di interessare il ministro Galletti chiedendo il coinvolgimento dell’INGV e dell’Istituto l'Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale, si uniscono gli altri sindaci che governano i territori dell’area individuata dalla multinazionale e nel frattempo si sono ritrovati questo pomeriggio al Municipio di Casalbore. “Siamo nella condizione di non sapere cosa accadrà nella nostra terra” – sostiene il sindaco Raffaele Fabiano. “La Regione Campania ha ignorato le delibere consiliari e di giunta che evidenziavano la nostra opposizione, che non è prescindere, ma che è maturata seguendo i risultati di studi americani sulle connessioni fra le trivellazioni e l’aumento di eventi sismici. Con l’ex sindaco di Ariano, Antonio Mainiero, e di Montecalvo, Carlo Pizzillo, è stato più volte a Napoli. Dalla mia, mi sono anche confrontato con alcuni colleghi della Basilicata. Con grande amarezza hanno dovuto costatare lo svuotamento dei piccoli comuni” – dichiara il sindaco di Casalbore –. Dall’incontro odierno si è deciso di chiedere una convocazione al Presidente della Giunta Regionale Stefano Caldoro al fine di ottenere chiarimenti sulla procedura in corso per "Case Capozzi". Non possiamo permettere scempi in un’area dove con grandi energie stiamo promuovendo sviluppo ecosostenibile, valorizzazione del patrimonio archeologico e delle ricchezze enogastronomiche. Faremo un’opposizione tenace – sintetizza Raffaele Fabiano – pronti a difendere in modo legittimo le nostre comunità”.
Leda Palma
(mercoledì 27 agosto 2014 alle 18:14)
Più letti del mese
Muretto Comunication S.r.l.
© 2011 ilCiriaco. All Rights Reserved.   --- Gerenza ---

Tel: 08251912551 Tel&Fax: 08251912594 Mail: redazione@ilciriaco.it
Il materiale pubblicato, pur essendo di dominio pubblico, non puo' in nessun modo essere utilizzato.
La copia o riproduzione di testi e foto senza il consenso scritto della redazione di Il Ciriaco.it e' vietata!