venerdì 22 settembre 2017 | Imposta come Homepage | Aggiungi ai preferiti | Facebook
Ad Ariano Irpino la street art rivitalizza il centro cittadino
* *Tesnim Sayar è una stylist musulmana che da Londra sta rivisitando il modo di portare il velo. Aloha Oe, street artist romano, l’ha conosciuta sul social network e le ha proposto di divenire il soggetto della sua opera al Festival di Willoke. L’icona punk da ieri ha preso forma sulla parete simbolo del declino della dolce vita arianese: il complesso Giorgione. Il colore, i temi della pace, l’irriverenza della pittura urbana sono impressi su quel muro annullando il grigiore di oltre un decennio. “Arte sulle rovine” – ha sintetizzato l’altro artista della manifestazione, il writer salernitano Glo521. Esperto in lettering, Glo ha amalgamato il suo graffito alla pittura muraria di Aloha Oe e Guido Rezor.
“Le nostre diversità artistiche – sostiene Aloha Oe – arricchiranno l'ambiente. Di comune accordo, abbiamo lasciato il fondo originale della parete. Sono sicuro che queste tre opere, forse lentamente, ma saranno assorbite completamente dal luogo e non mi lascio impressionare dalle critiche, anzi le adoro. L’arte non può lasciare indifferente, deve stimolare il pensiero”.
Ne è convinto anche Rezor, nonostante sia il più giovane dei tre, e alla prima esperienza in un festival di urban art. L’artista napoletano ha “divorato” un pannello in poche ore creando l’opera “Umanità Dispersa”: “I miei disegni devono essere apprezzati per il significato, non per l’estetica – dice Rezor –. Ad Ariano ho rappresentato istintivamente un miscuglio di facce, organi, ossa, che simboleggiano la confusione del genere umano. Si è così abituati allo sfondo grigio, che quando passi davanti al colore e a delle forme, si è per forza costretti a porsi delle domande e a rispondersi”.
Spetta invece all’assessore comunale Mario Manganiello dare delle certezze sul futuro del centro storico, che per un giorno si è vivacizzato grazie alla manifestazione ideata da Maria Elena De Gruttola e Massimiliano Grasso, mentre per buona parte dell’anno è in agonia. Willoke ha aperto delle vecchie ferite: la perdita del Tribunale da quasi dodici mesi e il gigante abbandonato di Giorgione.

“Dopo l’estate – annuncia Manganiello – ci siederemo al tavolo per trovare le migliori soluzioni finalizzate a rivitalizzare il centro della nostra città. Il piazzale Calvario è un bel punto e la mia proposta è di concentrare qui il mercato della frutta. Immagino un “farm market” più spinto, e la vicinanza con la scuola elementare non può essere trascurabile. Per il resto del cuore urbano, dobbiamo valutare come incoraggiare la riapertura delle tante attività commerciali che hanno chiuso le saracinesche. Dobbiamo, ad esempio, puntare a calmierare i prezzi degli affitti e non escludiamo migliorie a Piazza Plebiscito”. Prospettive di rinnovamento che potrebbero riguardare anche l’edificio di via D’Afflitto. “Per ora – conclude Maganiello – il Giorgione è stato “toccato” dall’arte, spero sia solo l’inizio per smuovere qualcosa”.
Leda Palma


(venerdì 22 agosto 2014 alle 17:38)
Sindaco: Antonio Mainiero
Popolazione: 22906 abitanti
Altezza: 778
CAP: 83031
Km da: Avellino 48
Prefisso tel.: 0825
Mercato: mercoledì
Più letti del mese
Muretto Comunication S.r.l.
© 2011 ilCiriaco. All Rights Reserved.   --- Gerenza ---

Tel: 08251912551 Tel&Fax: 08251912594 Mail: redazione@ilciriaco.it
Il materiale pubblicato, pur essendo di dominio pubblico, non puo' in nessun modo essere utilizzato.
La copia o riproduzione di testi e foto senza il consenso scritto della redazione di Il Ciriaco.it e' vietata!